Bio

Nel 1996, Bob Dylan era nato da 55 anni. Aveva pubblicato 29 LP, vinto un mare di premi e nessun interesse a sapere che 5 ragazzi lucchesi stavano formando le Formiche Nell'Orto.

 

Nel 1998, incidono Non Calpestare le Formiche nell'Orto, album d'esordio autoprodotto che venderà oltre 2000 copie. Da questo momento si esibiscono con sempre maggiore frequenza registrando sempre una notevole affluenza di pubblico. Nell'estate dello stesso anno ricevono il premio per il miglior brano inedito nella rassegna "On the rock" con la brillante Così nel mio parlar vogl'esser cisti che sarà poi oggetto di una tesi di laurea sul linguaggio giovanile.

 

Partecipano all'edizione 2000 di Music Match Live dove ottengono il 2° posto assoluto e due premi speciali: Gruppo che piace a noi giovani d'oggi e Miglior testo.

 

Sempre nel 2000, vincono il concorso nazionale "Calcio e musica in stadi aperti" e accedono come borsisti alla scuola di perfezionamento musicale fondata da Giulio Rapetti in arte Mogol. Qui registrano il secondo album: Nati in controtempo. Nel 2002 un loro pezzo entra a far parte della compilation Soniche Avventure Punk vol. IV pubblicata dalla Fridge records. Chiare fraske e grezze acque, questo il nome del pezzo, viene anche scelto come sigla del programma televisivo Osvaldo trasmesso da varie emittenti locali in tutta la toscana.

 

Nel gennaio 2004 pubblicano il terzo album Ricotta meccanica, che eguaglia e supera il successo degli altri due. Il singolo Welcome to Lucca, irriverente omaggio alla loro città , spopola online ed entra nelle playlist di Radio e locali notturni. Il grande successo della canzone spinge la casa di produzione City Music a stampare il singolo omonimo e procura alle formiche la partecipazione alla compilation Lucca Calling (2005).

 

Dall'incontro con l'etichetta indipendente Anna the Granny nasce L'insostenibile leggerezza dell'etere (2009) che vende 200 copie in una sola settimana.

 

Ciò nonostante, Bob Dylan continua a ignorarli.

 

<< Torna in home